IL FILO DELLA MEMORIA


Carta annonaria del pane - 1943
La Storia di Ognuno di Noi

6

HOME

INDIETRO

MINNELLA

Sul retro di una carta annonaria del 1943, stato scritto il sottostante testo, il cui contenuto, in dialetto siciliano, risulta esplicativo sullo stato delle privazioni materiali che comportava il vivere in 
tempo di guerra.

Sul Motivo " Canzona Al Vento"

Sussura la ventri guannu vacanti
ascoltati amici tutti quanti
E cu lu pani ca 150 grammi
nun pozzo camminari ca mi tremanu li   gammi
Si mi voglio fari na manciata di piaciri
Un chilu di pani 38 liri.

           Ritornello

Fami, fami   nuddru ora c infami
Comu si fa l'annata d'aguannu
 tutti ligenti fannu contrabannu
pi lu mezzu ci va la panza
ca nun ci mettu nuddra sustanza

    Fami, fami  nuddru ora c infami

E la matina lu stomacu cu lu teni
 la fami subbitu ammia mi veni
allura mi manciu la mia razione
e staiu a la dritta pi cuminazione
sapiti chi fazzu la sira quannu scura
m'accordu sulu cun pocu di virdura;

          Fame fame

Si dura ancora stu tempu malidittu
ammamuriri e di pitittu
a cu sta guerra chi nun finisci mai
tuttu li orna ni criscinu li guai
la verit e socchi vaiu cantatu
marridducivu scarzo e strazzatu

Fami fami

 

  Torna su

2002  pietroales@tiscalinet.it